Sorrisi e canzoni

Ore 10:30. Ammetto il mio essere italiano medio e accendo di buon grado la TV. Raiuno. Presentazione, a Uno Mattina Estate, dello spettacolo teatrale “Crazy Airplane”, o qualcosa del genere. Sarebbe una rivisitazione de L’aereo più pazzo del mondo. La regia è di Giancarlo Nicotra. Uno che ha iniziato doppiando il bambino di Rin Tin Tin, per poi lavorare spalla a spalla anche con Federico Moccia (proprio lui).

Ovviamente il siparietto: note in playback di una canzone e due ragazze del cast iniziano a ballare. Una bionda, l’altra bruna. La prima sembrava molto più disinvolta rispetto alla compagna, seguendo ritmi, passi giusti e sincrono labiale. Sarebbe un complimento paragonare l’altra ad un orso ballerino che si è scolato mezzo litro di gin. Tra l’altro mi sembrava un viso più conosciuto, sebbene fosse visibilmente meno preparata dell’altra attrice. Mentre mi domandavo come potesse salire su un palco un simile scempio, l’arcano viene svelato dalla conduttrice, la Miss Italia in carica Miriam Leone.

La brunetta barcollante e scoordinata altri non è che Daniela Martani. Questa tizia è passata su tutti i canali e nella maggior parte dei rotocalchi per qualsiasi genere di cronaca nell’ultimo anno. Scesa dalla scaletta dell’Alitalia, è entrata nella casa pseudo-orwelliana (il Grande Fratello…), saltando i provini. Cacciata da lì, ha provato a farsi assumere in Fattoria, senza gli esiti sperati. Ora riprende ad essere hostess. Per finta. Nella realtà, venne licenziata.

Quando si finisce al centro dell’attenzione, le scelte sono – inevitabilmente – due. Se non si ama, si odia. Infatti, un mesetto addietro, aveva annunciato di voler adire per vie legali contro eventuali detrattori rei di insultarla pesantemente. Fossi in lei mi domanderei perché qualcuno preferirebbe vederla nei panni di venditrice di panini allo stadio.

Su MTV, invece, in rotazione c’è il video di Lady Gaga. Se esprimere una critica non è diffamazione, a me non pare ‘sto grande talento. Eppure qualcuno tempo fa l’ha paragonata a Madonna. Movenze equivoche e costumini succinti i suoi cavalli di battaglia. Di contorno i testi quasi incomprensibili delle sue canzoni (a me pare che dica “poka feiz”; o forse è la mia pronuncia inglese scarsa).

L’ultimo video, dove la “Lady” sgambetta a più non posso, ha anche la pubblicità, nemmeno troppo occulta, al sito di scommesse e giochi d’azzardo interattivi più popolare al mondo. Ma una sua performance negli Stati Uniti m’ha fatto ricordare l’autopa di Austin Powers. Da buona artista “focosa”, le partono scintille dai… capezzoli. Beh, si è fatta pubblicità.

Ammetto che questo post è una sfida. Infatti, mentre scrivo di questa roba (del tutto trascurabile), ma seguita con grande attenzione da adolescenti e fan più o meno grandicelli (questo è il dato che deve far davvero riflettere), ci sono loro coetanei che muoiono dall’altra parte del mondo per la democrazia.

Ormai è scontatissimo: tira più un pelo di figa che un carro di buoi.

P.s. È anche curioso come sia facile per un direttore di una testata insultare chi abbia letture diverse dalle sue. Potrebbe anche aver ragione (con tutte le riserve del caso), se la stessa persona non fosse a capo del TGcom.

Comunicazione di servizio. Se ve ne frega qualcosa, sarò assente qualche giorno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...