Andata e ritorno

recycleNella riga dedicata ai “protagonisti” dell’edizione odierna del City, il quotidiano gratuito disponibile nelle grandi città, assieme alle foto della D’Addario, che stasera dovrebbe essere ospite ad AnnoZero (con ovvio strascico polemico), e Bersani, che ha disertato assieme ad altri 68 onorevoli colleghi dell’opposizione una votazione che avrebbe potuto mandare in crisi la maggioranza, compare quella di un altro volto noto.

Luciano Moggi, secondo pure altre testate, sarà opinionista su 7Gold in una trasmissione dedicata, lapalissiano dirlo, al calcio. Sarebbe quasi inutile ripercorrere le vicende del personaggio in questione, ormai più che conosciute. Per riassumere, all’ex DG della Juventus è attribuito uno dei ruoli cardine degli avvenimenti inerenti a “Calciopoli“. Sportivamente, assieme ad altri club, dirigenti e arbitri, la Vecchia Signora è stata la squadra a subire la sanzione peggiore, con la retrocessione in serie B, 17 punti di penalizzazione (poi ridotti a 9), revoca dello scudetto 2005 e non assegnazione di quello del 2006, 120.000 euro di multa e tre giornate di squalifica dell’appena ricostruito “Olimpico”. Il suo amministratore, invece, è sotto inibizione ed ancora a rischio radiazione.

Nell’ambito penale relativo a quel filone, Moggi risulta imputato in diversi processi, riuscendo però a svincolarsi da alcuni capi d’accusa. Già prima di approdare alla Juve, comunque, “Big Luciano” ha visto il suo nome accostato anche ad inchieste su traffici di prostitute ed evasioni fiscali. E proprio poche ore fa, in una striscia del sito web della “Gazzetta dello Sport”, si legge che i PM della Procura di Torino hanno chiesto 3 anni di reclusione per falso in bilancio nei confronti del vecchio manager dei bianconeri. Insomma, oggettivamente è una personalità controversa, come altre – del resto – ugualmente popolari. Ma non è l’unica, e non sarà l’ultima, riciclata in televisione.

È anche vero che in Italia furono capaci di ospitare (pagandolo) Byron Moreno in uno show comico sulla TV pubblica nel 2003. Non certo uno dei volti più amati, anche tra i non calciofili: per chi ha un vago ricordo, si tratta dell’arbitro ecuadoriano famoso per la direzione sciagurata dell’ottavo di finale dei mondiali nippo-coreani. Partita che vide gli azzurri sconfitti dal Paese organizzatore ed eliminati dalla competizione.

Se quindi un Moggi o un Moreno (sono solo due di innumerevoli esempi) possono acquisire nuova popolarità in un ambito diverso, a maggior ragione una ex escort (come detto più sopra) può sentirsi in dovere di rilasciare dichiarazioni non solo in un’aula di Tribunale, in qualità di teste, ma anche sulle comode poltroncine di un salotto televisivo. Passando dai “lettoni“, prima di calpestare poi perfino le passerelle mondane di Venezia.

Non è ancora chiaro se l’opinione pubblica abbia la memoria labile o no. Dipende dai “se” e dai “come”, forse. Per ora si distrae con botte e risposte a distanza, sfociate alquanto nel personale, su “velinismi” vari, con “tette” e culi, con disagi pomeridiani per emulazioni erotiche e con programmi sospesi per scarso share.

Ordinaria amministrazione. O trasmissione, appunto.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...