“Lascio che le cose mi portino altrove”

Perché Sanremo è Sanremo. Deve ancora iniziare la 60a edizione del Festival e già si pongono discussioni su canzoni e cantanti. E meno male che nessun comune mortale ha ancora ascoltato in anteprima le opere, né ha potuto percepire le capacità vocali dei singoli artisti! Allora possono iscriversi Povia con la composizione dedicata ad Eluana Englaro; Cristicchi, autore di un testo irriverente, probabile causa del forfait di Madame “Carlà” Bruni (in veste di ospite); il Principe (spodestato) Emanuele Filiberto in compagnia di Pupo; infine Morgan, che, però, rilascia interviste su “Max”. Il mondo precipita. Per la serie, “non c’era di meglio da fare”?

Un po’ per tutti. L’ex giudice di X-Factor, intervistato dal periodico Rizzoli, in soldoni dichiara di fumare crack abitualmente, decantandone le proprietà terapeutiche*. A margine, non risparmia qualche frecciatina sulla televisione italiana, insufflata, secondo lui, dal governo e dal clientelismo (e, a quanto pare, tutto ‘sto resoconto sarà disponibile integralmente da domani nelle edicole). C’è da chiedersi perché non abbia lasciato subito la sua postazione, vista l’aria respirata (in senso figurato, stavolta).

Almeno apparentemente, non sono stati tanto gli attacchi contro le istituzioni e la TV quanto la confessione dell’uso di sostanze stupefacenti a far gridare allo scandalo. Morgan, comunque, “sconcertato, amareggiato, addolorato e disperato”, non tarda a smentire quanto trapelato: anche lui “frainteso”, “vittima di congiure”. Nessuno mette in dubbio la sua buona fede, sia nelle frasi percepite dal cronista che nel racconto dell’esperienza soggettiva, dovuta a cause personali ed insindacabili. Tantomeno nessuno deve metterne in discussione l’impegno musicale e/o lavorativo, per quanto i gusti possano variare da individuo ad individuo. Altra domanda: quale interesse potrebbe mai avere il già frontman dei Bluvertigo a minimizzare la questione sulle droghe? Solo ad un masochista (o ad un delinquente) verrebbe in mente di pubblicizzare cocaina o derivati alla vigilia di una manifestazione di carattere nazionale qual è il Festival della canzone italiana. Oltretutto, è luogo comune inquadrare personaggi del jet-set come abituali consumatori di simili “robe”. A fine ulteriormente esemplificativo, sarebbe incredibile pensare ad una diffusione anomala di ecstasy tra i giovani perché “Tizio” ne ha allegramente consigliato l’uso.

Oltre alla contro-smentita sulle modalità dell’incontro da parte del giornale (concordato, con tanto di servizio fotografico), in virtù di quanto sopra, ministri ed onorevoli hanno stigmatizzato e condannato quanto avrebbe detto il cantautore. Forse talvolta eccessivamente, rispetto a quanto potesse desumersi dal contenuto del pezzo (c’è chi gli ha pubblicamente consigliato di entrare “in una comunità di recupero per tossicodipendenti” o chi l’ha etichettato come “cattivo maestro”). Addirittura, in ossequio ai valori della passerella sanremese, qualche deputato ha proposto una sorta di “test anti-doping” per i partecipanti. Alla fine, il “trio M” (Mazza, Masi e Mazzi; nell’ordine direttore di RaiUno, direttore generale RAI e direttore artistico dello spettacolo) ha optato, per il momento, per l’esclusione di Marco Castoldi (in arte Morgan) dalla kermesse. Che ora è “traumatizzato”, per quanto gli siano giunte, in contrapposizione, attestazioni di solidarietà e petizioni a favore.

Vedendo il contrappasso, è stato un modo svincolarsi dalle convinzioni, dalle pose e dalle posizioni. Senza ricorrere a mezzi, per così dire, “particolari”.

*Artt. 72 e 73 D.P.R. 309/90

Annunci

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...