[senza titolo 49]

Dallo spot della Lega Nord per la Moratti:

«Milano non sarà più la città della Madonnina, ma delle moschee. Pisapia sarà proprio il sindaco degli stranieri».

Dall’ “intenzione di voto” del Presidente del Consiglio trasmessa da più TG:

«Milano non può diventare alla vigilia dell’EXPO 2015 una città islamica, una zingaropoli […] riempita di bandiere rosse con la “falce e martello”».

Uhm. Milano invasa da bandiere. Rossonere. Si festeggiava, il 13 maggio scorso, il 18° scudetto di una delle due squadre di calcio locali, quella presieduta (di fatto) dal Capo del Governo. Che annovera, tra i suoi atleti, anche stranieri, musulmani e (sarcasticamente o no) zingari. Per completezza, pure negri, terroni ed extracomunitari. Ovviamente già MOLTO prima della venuta di Pisapia. Che si fa, si cacciano tutti?

La campagna elettorale, con il successivo risultato colmo di valenza politica, si può riassumere così.

*~*~*

Ah, non solo:

«A furia di evocare il cadavere del comunismo, ha finalmente portato un comunista a sindaco della sua città.
A furia di chiedere un voto contro i magistrati, è riuscito a far eleggere un magistrato a sindaco di Napoli».

(Marco Travaglio, 30 maggio 2011)

« … Forse è il caso di ricordare che il centrodestra ha vinto a Cesenatico, nella provincia di Reggio Calabria, e pure a San Giovanni Rotondo».

(Maurizio Lupi, 30 maggio 2011, nel corso dello Speciale TG3).

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...