Bella vera

Sera inoltrata tra il 19 e 20 settembre 2011. Stefania Bivone, avvenente liceale calabrese, viene incoronata Miss Italia a Montecatini, in diretta televisiva. Ma, quest’anno, davanti ai teleschermi, appena 5 milioni sono stati i contatti massimi nell’ultima delle due serate (la prima ha registrato ascolti stimati attorno ai 3 milioni “stirati”). Un flop.

All’Italia non interessa più la rappresentante della sua bellezza? E proprio nell’anno delle celebrazioni? Saranno stati i gossip mescolati alla politica a far decadere l’attenzione sulla storica trasmissione? Certo è che organizzazione dell’evento e TV pubblica non hanno raggiunto i risultati pronosticati, nonostante tutti gli sforzi atti a dare un’immagine pulita delle ragazze e del regolare andazzo della gara, con l’epurazione di concorrenti che (per sfizio, ambizione, gioco o puro egoismo) hanno posato in foto osé. Notizia di oggi: il disturbatore televisivo Paolini aveva già predetto la vincitrice. Una pubblicità postuma alla kermesse, ma ulteriormente negativa: lo spettro del trucco, non di certo inteso come il make-up stampato sui volti delle donzelle.

Dunque, per conseguire popolarità, forse è meglio finire sulle pagine scandalistiche delle cronache piuttosto che partecipare ad una gara. Salutiamo le Sophia Loren, Gina Lollobrigida o le più recenti Anna Kanakis o Anna Valle (solo per nominarne alcune, comunque tutte uscite dalla passerella del concorso) per far spazio alla più attempata Patrizia D’Addario o alla scosciata Terry De Nicolò. Queste ultime non hanno indossato alcuna fascia, ma hanno marciato nel jet-set raccontando al pubblico avventure erotiche e adescamenti ricevuti da uomini ricchi, potenti e famosi. Passa il messaggio che neanche Miss Italia sia più un manifesto dello standard basato sull'”acqua e sapone”, tipico della “ragazza della porta accanto”: quella posta sui tacchi a spillo unicamente per l’importante occasione.

La donna viene così snaturata come “merce”: il luogo comune, radical-chic e non, va ad identificare le iscritte del fu “Cinquemila lire per un sorriso” al pari di qualche escort frequentante i palazzi dell’altissima borghesia. O delle più infime puttane strappate ai casini. Una concezione sociale modificatasi nell’epoca più recente: apprezzare le qualità fisiche delle fanciulle, ora, può paradossalmente diventare una nuova causa di pregiudizio (e Fiorello ironizzava via Twitter: “votate la n° 20”: il cognome era “Cozza”…).

Non bisogna meravigliarsi più di tanto, dato che persino Luisella Costamagna, mamma e giornalista di lungo corso (la si ricorda come “spalla” di Santoro), fino a qualche giorno fa al timone di “In Onda” su La7 e sostituita in corsa da Nicola Porro de “Il Giornale”, in un’intervista a cuore aperto al “Corriere della Sera” a precisa domanda risponde:

A proposito di abitino, spesso in trasmissione Telese [l’altro conduttore, n.d.b.le faceva complimenti sul suo aspetto fisico: «la bella Luisella», «l’affascinante Luisella»… E lei si infastidiva. 
«Perché ridurre tutto all’aspetto fisico può risultare screditante. Dopodiché non era solo fastidio, ma anche oggettiva difficoltà a ricambiare il complimento […]».

Insomma, sostituita in corsa ed identificata non per le sue capacità. Doppia delusione. Se addirittura un giornalista come Telese (uno che si occupa e condanna lo sfruttamento del gentil sesso), seppur in buona fede, ha messo in evidenza in alcuni momenti maggiormente le doti corporee che professionali della collega, figurarsi un ascoltatore medio. A questo punto, si potrà attendere (finalmente) l’esplosione dell’ “orgoglio racchio”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...